Coming Up Wed 8:00 AM  AEST
Coming Up Live in 
Live
Italian radio

AAA clienti e staff cercasi: Omicron e la nuova "aria di lockdown"

Ristorante chiuso in Federation Square, a Melbourne, durante il lockdown 2021 Source: AAP/James Ross

Si pensava che l'estate potesse essere la stagione della riscossa per l'hospitality, ma l'esplosione di contagi dovuti alla nuova variante ha cambiato le carte (è proprio il caso di dire) in tavola.

Il mese di ottobre 2021 ed i suoi "Freedom Days" sembrano lontanissimi.

Eppure, sono passati solamente circa 100 giorni da quando a Sydney e Melbourne - rispettivamente l'11 ed il 22 ottobre - le persone festeggiavano la fine dei lockdown precipitandosi nei locali a mezzanotte, come ad esorcizzare un incubo durato quasi due anni.

Quell'aria di spensieratezza e libertà, a dire di molti, si sarebbe tradotta in una stagione estiva in pompa magna per i ristoranti e per tutto il mondo dell'hospitality. Purtroppo, però, un primo bilancio sembra smentire queste rosee aspettative.


Punti chiave

  • Al termine dei rispettivi lockdown, si pensava che l'estate sarebbe stata la stagione della riscossa per ristoranti e locali, dopo quasi due anni di restrizioni
  • La variante Omicron ha invece scombussolato i piani dei ristoratori, visto che, a loro dire, si respira comunque "aria di lockdown", con strade deserte e clienti che latitano
  • L'assenza di aiuti governativi e la carenza di personale rendono la situazione ancora più complicata

Si potrebbe pensare che, essendo gennaio il mese in cui la stragrande maggioranza delle persone va in vacanza, la "folla" di clienti si sia semplicemente spostata dalle città alle località turistiche.

A sentire cosa dicono gli addetti ai lavori, però, la situazione non è proprio così, anzi. Secondo loro, infatti, la paura di venire a contatto con la variante Omicron sta tenendo lontano i clienti sia nei cosiddetti CBD sia nelle località di villeggiatura.

Questo problema va ad aggiungersi a quello relativo alla carenza di personale, che non contribuisce in nessun modo a migliorare le condizioni in cui versa l'hospitality

Abbiamo parlato con Nicola Dusi e Lorenzo Tron, ristoratori a Melbourne, e Giada Giuntoli, cameriera in un pub di Melbourne, ed abbiamo ascoltato le loro impressioni su questa situazione. 

Ascolta il nostro servizio

AAA clienti e staff cercasi: Omicron e la nuova "aria di lockdown"
00:00 00:00

Le persone in Australia devono stare ad almeno 1,5 metri di distanza dagli altri. Controllate le restrizioni del vostro stato per verificare i limiti imposti sugli assembramenti. 

Se avete sintomi da raffreddore o influenza, state a casa e richiedete di sottoporvi ad un test chiamando telefonicamente il vostro medico, oppure contattate la hotline nazionale per le informazioni sul Coronavirus al numero 1800 020 080.

Notizie e informazioni sono disponibili in 63 lingue all'indirizzo www.sbs.com.au/coronavirus. 

Ascolta SBS Italian ogni giorno, dalle 8am alle 10am.

Seguici su FacebookTwitter e Instagram o abbonati ai nostri podcast cliccando qui

Coming up next

# TITLE RELEASED TIME MORE
AAA clienti e staff cercasi: Omicron e la nuova "aria di lockdown" 20/01/2022 22:07 ...
Dai nostri archivi: la ricetta dei mostaccioli di Paola Bacchia 24/05/2022 07:48 ...
Aldo Ortado, ambasciatore della cucina povera napoletana 24/05/2022 11:11 ...
News Flash martedì 24 maggio 2022 24/05/2022 05:11 ...
Come cambia il nuovo parlamento australiano? 24/05/2022 08:33 ...
Un primo ministro di nome 'Albanese': le reazioni degli italiani d'Australia 24/05/2022 23:58 ...
"Gli australiani hanno votato per il cambiamento" 24/05/2022 05:30 ...
Giornale radio martedì 24 maggio 2022 24/05/2022 10:43 ...
"Un momento storico per la diversità australiana" 23/05/2022 07:56 ...
News flash lunedì 23 maggio 2022 23/05/2022 06:23 ...
View More