Coming Up Sun 8:00 AM  AEDT
Coming Up Live in 
Live
Italian radio
DIARIO DELLA CRISI

Australia, AAA cercasi pizzaioli disperatamente

Experienced pizza chefs are in high demand in Australia after many hospitality workers left the country during COVID-19 lockdowns. Source: Courtesy of Figo (Elwood, VIC) and Lucio Pizzeria (Darlinghurst, NSW)

Durante i mesi di lockdown molti cuochi hanno lasciato il Paese. E adesso che la situazione down under sta tornando alla normalità, mancano i professionisti della ristorazione.

Ora che lo tsunami causato dal COVID sembra passato e che le acque si stanno lentamente ritirando, in Australia restano le conseguenze lasciate sulla ristorazione dal passaggio di questa onda anomala.

Una delle conseguenze più evidenti non riguarda i danni economici, ma la mancanza di personale. In particolare dei pizzaioli (e dei cuochi) italiani. 

Il cartello all'ingresso di un ristorante-pizzeria di Windsor, a Melbourne
Il cartello all'ingresso di un ristorante-pizzeria di Windsor, a Melbourne
SBS Italian - Dario Castaldo

"È più facile trovare un parcheggio a Roma che un pizzaiolo a Melbourne"

Molti sono rientrati in Italia, o comunque hanno lasciato il Victoria prima dell'inizio del lockdown duro, e di conseguenza adesso i locali sono a corto di personale qualificato. Al punto che qualcuno è stato costretto a togliere la pizza dal menù.

"È più facile trovare un parcheggio a Roma che un pizzaiolo a Melbourne", dice Andrea Caroli  - in arte Cicciopizza - titolare di un locale nella capitale del Victoria.


In evidenza: 

  • Durante la pandemia, molti lavoratori del settore della ristorazione che non hanno beneficiato dei sussidi governativi hanno lasciato l'Australia
  • Adesso che i locali down under hanno riaperto i battenti, mancano all'appello proprio loro: i cuochi e - in misura ancora maggiore - i pizzaioli
  • I pochi professionisti che sono rimasti su piazza sono sempre più ricercati 

"Altro che Ibra, oggi il procuratore di un pizzaiolo in Australia farebbe fortuna" 

"I pizzaioli sono i gitani del settore. Se ci fosse un agente, un Raiola della situazione, farebbe i soldi" spiega Andrea Pagani, co-proprietario livornese del ristorante Figo di Elwood. 

"Se siamo dei mercenari dipende dal fatto che siamo legati ad uno sponsor, e per questo accettiamo le offerte di chi può garantircene uno" specifica uno di loro, Edoardo Nicita. 

Edoardo Nicita, pizzaiolo ragusano dello SHOP 225 di Pascoe Vale South, a Melbourne
Edoardo Nicita, pizzaiolo ragusano dello SHOP 225 di Pascoe Vale South, a Melbourne
Dario Castaldo/SBS Italian

“È un inferno, e a risentirne è soprattutto la qualità”

La situazione non è migliore nelle aree regionali, come dimostra il caso di Massimiliano Borsato e di sua moglie Loredana, che gestiscono un locale di Wollongong.

Per mancanza di personale, i due sono sono arrivati a pubblicare annunci su una pagina facebook di Italiani a Melbourne, a 830km di distanza, e intanto hanno affidato la cucina ad una chef tedesca di origine samoana e ad un cuoco russo.

Max Bordato gestisce assieme alla moglie Loredana un locale di Wollongong, il Northbeach Pavillion
Max Bordato gestisce assieme alla moglie Loredana un locale di Wollongong, il Northbeach Pavillion
Northbeach Pavilion

Un appello che potrebbe essere ascoltato dal governo australiano 

“Pizzaioli in giro non ce ne sono e gestire un locale in queste condizioni è impossibile. Spero che il governo prenda provvedimenti, perché al momento e la situazione è critica” conferma Lucio De Falco, proprietario di due pizzerie a Sydney.

Un appello che - secondo l'agente di immigrazione Riccardo Ippoliti - potrebbe essere accolto dalle istituzioni federali, come dimostra l'accelerazione di alcune pratiche di visti legati proprio al settore della ristorazione.

Riascolta qui la nostra inchiesta sulla carenza di pizzaioli in Australia:

Australia, AAA cercasi pizzaioli disperatamente
00:00 00:00

Due pizzaioli italiani d'Australia
Due pizzaioli italiani d'Australia
courtesy of Figo (Elwood, VIC) e Lucio Pizzeria (Darlinghurst, NSW)

Hai perso le puntate precedenti del nostro viaggio per scoprire l'impatto del COVID-19 sui lavoratori della ristorazione? Eccole qui.

Le persone in Australia devono stare ad almeno 1,5 metri di distanza dagli altri. Controllate le restrizioni del vostro stato per verificare i limiti imposti sugli assembramenti. L'elenco completo delle misure restrittive è disponibile qui: https://www.dhhs.vic.gov.au/stage-4-restrictions-covid-19

Se avete sintomi da raffreddore o influenza, state a casa e richiedete di sottoporvi ad un test chiamando telefonicamente il vostro medico, oppure contattate la hotline nazionale per le informazioni sul Coronavirus al numero 1800 020 080. 

Notizie e informazioni sono disponibili in 63 lingue all'indirizzo www.sbs.com.au/coronavirus. 

Ascolta SBS Italian tutti i giorni, dalle 8am alle 10am.

Seguici su FacebookTwitter e Instagram.

Coming up next

# TITLE RELEASED TIME MORE
Australia, AAA cercasi pizzaioli disperatamente 24/11/2020 35:33 ...
“La crisi della ristorazione? Il peggio è passato” 14/09/2020 23:37 ...
Da bodybuilder a cuoco vegano, ecco come un abruzzese in Australia ha superato la crisi 31/08/2020 24:25 ...
Speed dating e spanish omelette, le ricette anticrisi dei food bloggers 25/08/2020 25:33 ...
Sud Australia, pizze surgelate e dolci al bicchiere per superare la crisi 17/08/2020 23:05 ...
Melbourne, da una cucina italiana 50mila pasti gratis per i bisognosi 10/08/2020 21:40 ...
Come la crisi ha cambiato le pizzerie del New South Wales 03/08/2020 20:13 ...
La pasta fresca? Si cuoce al microonde in 3 minuti 27/07/2020 18:35 ...
Australia, con la crisi è scoppiata la gnocchi-mania 20/07/2020 22:05 ...
"Siamo di nuovo nel tunnel del lockdown, ma ne usciremo bene" 13/07/2020 20:33 ...
View More