Coming Up Thu 8:00 AM  AEST
Coming Up Live in 
Live
Italian radio

Coronavirus e visti, il "limbo" del Bridging Visa

Mutual obligation requirements for welfare recipients, such as job interviews, have been suspended again until June 1. Source: AAP

La decisione del governo di fornire un sussidio a tutti i residenti e cittadini australiani continua a creare problemi e domande per chi ha un visto temporaneo. Tra loro, chi ha richiesto il Partner Visa e si trova nel mezzo della pratica.

Antonio e Adele sono una coppia - lui italiano, lei italo-australiana – che lo scorso gennaio ha presentato domanda per un Partner Visa, senza ancora ricevere risposta.

Antonio nel frattempo è rimasto senza lavoro, ma le misure annunciate nei giorni scorsi a sostegno di chi ha perso il proprio reddito non si applicano alla sua condizione di visto, nonostante sia da anni in Australia e in attesa della residenza.

Cosa ci racconta la loro storia?

Il Bridging visa è una sorta di ‘limbo' legale 

L’agente d’immigrazione Emanuela Canini conferma, parlando ai microfoni di SBS Italian, che il Bridging Visa è un visto ponte, come dice il termine, una sorta di limbo riconosciuto quando non si hanno altri visti per evitare di diventare illegale.

Ci sono diversi tipi di visti e quello più comune è il Bridging Visa A.

Si tratta di un visto che, nella maggior parte dei casi, include tutte le condizioni del visto precedente. Nel caso in cui si sia richiesto un partner visa, però, queste condizioni decadono, e il Bridging Visa A dà diritto all’accesso al lavoro e allo studio senza restrizioni, nonchè alla copertura Medicare. 

È effettivamente un visto temporaneo e come tale viene trattato, e per ora non prevede sussidi come invece nel caso di residenti o cittadini australiani 

In tempi normali, cioè al di fuori dell’emergenza coronavirus, il Partner visa temporaneo può ricevere alcuni sussidi, anche se ci sono delle tempistiche da rispettare.

Il consiglio di Emanuela Canini è di parlarne con Centrelink quando il visto arriverà: nel caso si stia aspettando il visto, ribadisce Emanuela, i sussidi non vengono accordati dal governo perché la domanda potrebbe essere rifiutata. 

Nel limbo del coronavirus: cosa succede a chi si trova in Australia senza un visto valido?
00:00 00:00

Tempistiche al rallentatore 

Le tempistiche sul Partner visa erano già aumentate prima dell’emergenza coronavirus. Diverso tempo fa il sito dell’Immigrazione era già stato aggiornato con le nuove tempistiche, che riportavano più di due anni di attesa.

Ora i tempi variano dai 26 ai 31 mesi. “Si vedrà tra non prima di un mese se ci saranno ritardi dovuti alla questione virus sul Partner visa”, ha dichiarato Emanuela Canini a SBS Italian.

I tempi lunghi potrebbero in futuro non riguardare tutti i visti: secondo l’agente d’immigrazione, a parte un potenziale aumento dei visti turistici, le richieste di molti altri visti caleranno notevolmente, quindi dovrebbe esserci meno lavoro negli uffici dell’immigrazione, a meno che non si voglia ritardare l’approvazione di certi visti appositamente. 

Il fatto di aver perso il lavoro modifica lo status per la richiesta? 

In breve, no. Richiedere una priorità per questo motivo con questa motivazione non avrebbe effetto. “Ricordo che il Partner visa è uno dei visti più richiesti degli ultimi anni, e anche per questo c’è molta attesa per averlo”, precisa Canini. 

Emergenza occupazione, più lavoro nei supermercati e nelle case di riposo
00:00 00:00

Sussidi federali all’occupazione per i non residenti, tutto fermo? 

Al momento non ci sono segnali da parte del governo di voler includere i non residenti o cittadini nei sussidi federali, nonostante le pressioni arrivate da più parti. Una petizione online ad esempio ha raggiunto più di 10 mila firme in poche ore.

È stato annunciato che i sussidi spetteranno ai cittadini australiani, ai residenti permanenti - che verranno esonerati dai tempi di attesa che si applicano normalmente – e ai cittadini della Nuova Zelanda.

Per quanto riguarda l’estensione ad altre categorie, bisognerà attendere.

0:00
 

Gli australiani devono stare ad almeno 1,5 metri di distanza dagli altri e gli incontri devono essere limitati a due persone, a meno che non si sia con un membro del proprio nucleo familiare o abitativo.

Se ritenete di aver contratto il virus, invece di recarvi dal medico di persona, chiamatelo telefonicamente, oppure contattate la hotline nazionale per le informazioni sul Coronavirus al numero 1800 020 080.

Se fate fatica a respirare o vi trovate in un'emergenza, chiamate il numero 000. 

SBS è impegnata nell'informare tutte le comunità d'Australia sugli ultimi sviluppi legati al COVID-19. Notizie e informazioni sono disponibili in 63 lingue all'indirizzo sbs.com.au/coronavirus.

Ascolta SBS Italian tutti i giorni, dalle 8am alle 10am. Seguici su FacebookTwitter e Instagram.

Coming up next

# TITLE RELEASED TIME MORE
Coronavirus e visti, il "limbo" del Bridging Visa 03/04/2020 14:52 ...
20 anni fa la marcia per la riconciliazione 27/05/2020 08:42 ...
Giornale radio mercoledì 27 maggio 27/05/2020 09:30 ...
"JobMaker" la risposta alla crisi occupazionale 27/05/2020 13:29 ...
Telelink, il servizio telefonico che connette gli ipovedenti d'Australia per "farli sentire ancora vivi e parte della società" 27/05/2020 10:21 ...
“Affronto qui la mia malattia”, la storia di Enrico e la sua lotta contro la sclerosi multipla 26/05/2020 09:29 ...
Zuppa di castagne con pane casereccio 26/05/2020 07:19 ...
E se in futuro lavorassimo (da casa) quattro giorni a settimana? 26/05/2020 22:37 ...
Giornale radio martedì 26 maggio 26/05/2020 08:49 ...
Coronavirus in Messico: pochi test, molti casi 26/05/2020 12:47 ...
View More