Coming Up Thu 8:00 AM  AEDT
Coming Up Live in 
Live
Italian radio

Da Roma a Melbourne (via Sydney), tra quarantene e rinvii dei voli

Source: courtesy of Marina Amato

Un viaggio iniziato già in modo difficile, per andare a trovare la mamma appena rimasta vedova in piena pandemia, si è tradotto in una piccola odissea per Marina, italiana da anni residente a Melbourne con il marito e i due figli.

Come abbiamo raccontato anche attraverso la storia di Sylvia e Cono, una coppia che è rimasta per il momento separata a causa del coronavirus e delle limitazioni che rendono difficile il rientro in Australia, attualmente è molto complicato trovare voli per l’Australia.

Spesso si verificano cancellazioni, dovute anche ai limiti imposti al numero di rientri dall’estero.

Al momento solo 6mila persone alla settimana possono rientrare dall’estero. Melbourne non può accogliere alcun arrivo internazionale.

Marina Amato ha la doppia cittadinanza italiana e australiana. Per via di un lutto familiare si è recata in Italia a luglio. Sarebbe dovuta partire con il marito e i figli, ma solo lei ha ottenuto l'esenzione.

Dopo un mese dalla mia richiesta e dopo molti solleciti da parte mia, anche al telefono con il Department of Home Affairs, ho ricevuto finalmente una risposta, purtroppo negativa per mio marito e i miei figli

Pur di poter rivedere la madre rimasta vedova, Marina è partita da sola, sottoponendosi alla quarantena una volta arrivata in Italia. Il piano era di restare per un mese, ma è riuscita a rientrare solo di recente.

Sarebbe infatti dovuta ripartire a metà agosto, ma il suo volo è stato posticipato inizialmente al 5 settembre. Anche quella data però è saltata.

"La prima cancellazione l'ho presa con molta pazienza (...) ma la seconda cancellazione è stata quella più difficile", ricorda Marina.

Dopo un'ennesima posticipazione, Marina è riuscita a partire il 16 settembre, e si reputa tutto sommato fortunata, perché la cancellazione anche del terzo volo sembrava imminente, e solo grazie ai suoi ripetuti contatti con la compagnia aerea ce l'ha fatta.

Telefonavo alla linea aerea in tutti i momenti

Il rischio di tornare il 17 dicembre era molto forte, e Marina sa di aver avuto fortuna anche perché non ha dovuto riacquistare un biglietto più caro di quello già acquistato.

Arrivata a Sydney, Marina ha dovuto sottoporsi alla quarantena in albergo prima di poter raggiungere la sua famiglia a Melbourne, una tappa che ha affrontato non senza apprensione.

"È stata difficile, è stata un'esperienza un po' scioccante, un po' traumatica anche", racconta, sottolineando la difficoltà di restare da sola, chiusa per 14 giorni in una stanza senza balcone o finestre apribili.

"Io corro tutte le mattine, faccio molto sport", spiega Marina, che non potendo uscire ha cercato di tenersi attiva facendo lezioni di fitness online e sessioni di meditazione, per mantenere la propria salute fisica ma soprattutto quella mentale.

Le famiglie in genere hanno un piccolo appartamento con un balcone, si possono muovere bene, possono uscire sul balcone; le persone come me, che viaggiano da sole, hanno una stanza senza balcone, e le finestre non si possono aprire

Marina ha provato a informarsi per cambiare stanza, ma non è stato possibile, anche se Marina ci tiene a sottolineare che il personale dell'albergo è stato gentilissimo.

Le due settimane trascorse chiusa tra quattro mura sono state una sfida, ma un aspetto fortunato è stato che Marina non dovrà pagare la quarantena, avendo acquistato il volo alle 11am del 12 luglio. Solo chi lo ha acquistato dopo le 11:59pm del 12 luglio deve sostenere la spesa (3.000 dollari australiani) di tasca propria. 

Tuttavia Marina si chiede tuttora se questo sia davvero il modo migliore di gestire la quarantena.

"Dovrebbero renderla più vivibile (...) l'Australia è tanto grande, ci sono posti dove le persone potrebbero essere messe in isolamento ma con la possibilità di andare all'aperto".

Nei giorni scorsi il primo ministro Scott Morrison ha confermato che il Comitato australiano dei direttori della protezione sanitaria (AHPPC) sta valutando se le persone che arrivano da Paesi “sicuri” potranno isolarsi a casa, e una bubble con la Nuova Zelanda sta per essere parzialmente avviata, ma per il momento non sono stati annunciati cambiamenti per chi giunge dall'Italia.

Intanto per Marina resta l'incognita di quando e come potrà rivedere sua mamma, ultranovantenne e in uno stato di salute precario, e farle riabbracciare i suoi unici due nipoti.

Ascolta la storia di Marina:

Da Roma a Melbourne (via Sydney), tra quarantene e rinvii dei voli
00:00 00:00

Tutti gli abitanti del Victoria devono indossare una mascherina quando escono di casa, ovunque vivano.

Le persone in Australia devono stare ad almeno 1,5 metri di distanza dagli altri. Controllate le restrizioni del vostro stato per verificare i limiti imposti sugli assembramenti.

Se avete sintomi da raffreddore o influenza, state a casa e richiedete di sottoporvi ad un test chiamando telefonicamente il vostro medico, oppure contattate la hotline nazionale per le informazioni sul Coronavirus al numero 1800 020 080. 

Notizie e informazioni sono disponibili in 63 lingue all'indirizzo www.sbs.com.au/coronavirus. 

Ascolta SBS Italian tutti i giorni, dalle 8am alle 10am. Seguici su FacebookTwitter e Instagram.

Coming up next

# TITLE RELEASED TIME MORE
Da Roma a Melbourne (via Sydney), tra quarantene e rinvii dei voli 08/10/2020 19:40 ...
"La mia speranza è che un giorno mia mamma possa tornare da me" 25/11/2020 14:03 ...
La finanziaria del Victoria, "investimenti in infrastrutture, costruzioni e progetti di grande respiro" 25/11/2020 10:05 ...
Le nuove frontiere dell'agricoltura nello spazio 25/11/2020 20:08 ...
News Flash mercoledì 25 novembre 25/11/2020 05:28 ...
Usa: Biden presenta la sua squadra 25/11/2020 10:42 ...
Quadro da 120 mila dollari rubato in NSW, ma "non è un gran furto” 25/11/2020 02:45 ...
Giornale radio mercoledì 25 novembre 2020 25/11/2020 10:48 ...
Riaperto il confine tra NSW e VIC: cosa cambia per i residenti? 25/11/2020 16:37 ...
La pasta alla Norma, un'opera d'arte siciliana 24/11/2020 07:31 ...
View More