Coming Up Thu 8:00 AM  AEST
Coming Up Live in 
Live
Italian radio

Emergenza occupazione, più lavoro nei supermercati e nelle case di riposo

An employee arranges vegetables on display inside a Woolworths grocery store in Brisbane, Tuesday, April 19, 2011. (AAP Image/Dave Hunt) NO ARCHIVING Source: (AAP Image/Dave Hunt) NO ARCHIVING

A seguito della crisi in Australia legata all'epidemia di COVID-19, il governo ha allentato le restrizioni al lavoro per gli studenti internazionali. Le difficoltà per chi ha un visto temporaneo ed ha perso il lavoro invece continuano ad essere gravi.

La catena di supermercati Woolworths ha annunciato l'intenzione di assumere 20 mila nuovi lavoratori per cercare di sostenere l'aumento della domanda di alimentari durante l'epidemia.

Per chi si trova in Australia con uno Student Visa quindi si apre l’opportunità di lavorare più ore rispetto a quelle previste nelle condizioni del visto.

Per tamponare l’emergenza infatti è stato concesso di far lavorare le persone con un visto student più di 20 ore alla settimana, conferma ai microfoni di SBS Italian l’agente d’immigrazione Emanuela Canini.

Questa concessione però si attua solo per gli studenti già impiegati dai supermercati e solo in quei supermercati che ne hanno fatto richiesta al ministero dell’interno. 

Non è automatico e non si applica a tutti

Se si lavora in un supermercato è necessario perciò informarsi con il proprio datore di lavoro per sapere se ha ottenuto l’autorizzazione per aumentare il numero di ore o se può richiederla. 

Case di riposo, più ore per gli infermieri 

Per quanto riguarda il settore dell’aged care, le case di riposo, non è necessario richiedere l’autorizzazione, dato che il ministero degli interni avrebbe già dovuto inviare una lettera a tutte le case di riposo in Australia con la comunicazione.

La concessione va rivolta agli studenti che studiano infermieristica e che lavorando di più possono aiutare le case di riposo a far fronte ad un’emergenza che vede gli anziani estremamente vulnerabili. 

Cosa succede a chi ha fatto domanda di visto 

Al momento ci sono grandi difficoltà per chi ha un visto temporaneo e  vuole rimanere in Australia. Chi ha perso il lavoro all’improvviso, come molti tra coloro che lavorano nel settore della ristorazione, sta incorrendo in gravi problemi.

Il gruppo più a rischio è formato da chi ha un visto 457 o  482,  persone che lavorano per uno sponsor e sperano di richiedere la residenza permanente dopo aver lavorato un certo numero di anni con lo stesso datore di lavoro.

Nel limbo del coronavirus: cosa succede a chi si trova in Australia senza un visto valido?
00:00 00:00

Molti di loro sono stati licenziati o si trovano nella condizione di stare per richiedere o aver già richiesto la residenza permanente – e ora si trovano senza lavoro, lavoro che è tuttavia necessario per l’approvazione della residenza stessa. 

Queste persone sono quelle più colpite, perché la loro presenza in Australia è legata all’offerta di lavoro 

Oltre al danno la beffa, visto che gli sponsorizzati non possono lavorare per nessun altro - date le condizioni del visto - e se vengono licenziati, e quindi il loro contratto di lavoro viene interrotto completamente, avrebbero in teoria 60 giorni, nella maggior parte dei casi, per trovare un altro sponsor o uscire dall’Australia, opzioni ambedue difficili da realizzare al momento.

Come si comporterà il governo in questi casi? 

C’è molta consapevolezza a livello governativo sia per quanto riguarda le condizioni dei visti e la difficoltà nel mantenerle, sia per quanto riguarda le difficoltà economiche che queste persone andranno a fronteggiare, così come per quelle di tutti gli altri australiani che per ora hanno avuto la promessa di sussidi.

Per adesso il governo sta considerando chi e con quali visti avrà diritto a sussidi e soprattutto se c’è la possibilità di essere più flessibili con le condizioni dei visti. 

Dove si può avere flessibilità? 

"Ci sono casi in cui è possibile essere flessibili immediatamente", racconta a SBS Italian Emanuela Canini.

Ad esempio, deliberare che il visto non venga cancellato dopo 60 giorni per i visti 457 o 482 in caso di licenziamento. Oppure concedere la possibilità di richiedere visti turistici se non ci sono alternative: il visto turistico fornisce in realtà la possibilità di permesso di lavoro in casi eccezionali, a discrezione dell’immigrazione.

È necessario dimostrare di essere in difficoltà finanziarie, di rischiare di andare a carico del sistema sociale australiano e che le circostanze personali siano cambiate dopo l’arrivo in Australia per motivi al di fuori del controllo individuale, come nel caso dell’epidemia.

Al momento non ci sono ancora decisioni in questo senso, ma la situazione rimane in costante aggiornamento.

0:00

Gli australiani devono stare ad almeno 1,5 metri di distanza da altre persone. Nei luoghi al chiuso, occorre che ci sia una densità non superiore ad una persona per quattro metri quadrati di superficie.
 
Se ritenete di aver contratto il virus, invece di recarvi dal medico di persona, chiamatelo telefonicamente, oppure contattate la hotline nazionale per le informazioni sul Coronavirus al numero 1800 020 080.
 
Se fate fatica a respirare o vi trovate in un'emergenza, chiamate il numero 000.

Ascolta SBS Italian tutti i giorni, dalle 8am alle 10am. 

Seguici su FacebookTwitter e Instagram.

Coming up next

# TITLE RELEASED TIME MORE
Emergenza occupazione, più lavoro nei supermercati e nelle case di riposo 27/03/2020 13:13 ...
Giornale radio mercoledì 27 maggio 27/05/2020 09:30 ...
"JobMaker" la risposta alla crisi occupazionale 27/05/2020 13:29 ...
Telelink, il servizio telefonico che connette gli ipovedenti d'Australia per "farli sentire ancora vivi e parte della società" 27/05/2020 10:21 ...
“Affronto qui la mia malattia”, la storia di Enrico e la sua lotta contro la sclerosi multipla 26/05/2020 09:29 ...
Zuppa di castagne con pane casereccio 26/05/2020 07:19 ...
E se in futuro lavorassimo (da casa) quattro giorni a settimana? 26/05/2020 22:37 ...
Giornale radio martedì 26 maggio 26/05/2020 08:49 ...
Coronavirus in Messico: pochi test, molti casi 26/05/2020 12:47 ...
Conferenza online su Caravaggio 25/05/2020 10:49 ...
View More