Coming Up Wed 8:00 AM  AEDT
Coming Up Live in 
Live
Italian radio

"Il lockdown è finito" in Francia, ma scoppiano le proteste per lo sgombero di un campo profughi a Parigi

A protester supporting refugees tries to take a tent while police evacuates the camp. Refugees occupy the Republic Square (Place de la Republique) where 500 ten Source: AAP Image/Florent Bardos/ABACAPRESS.COM

La Francia, dopo l'Italia, ha superato la soglia delle 50.000 vittime di COVID-19. Da inizio pandemia, i contagi sono stati oltre due milioni eppure il Governo ha appena annunciato un piano di allentamento delle misure restrittive in tre fasi.

La Francia, dopo l'Italia, ha superato la soglia delle 50.000 vittime di COVID-19. Da inizio pandemia, i contagi sono stati oltre due milioni; il Paese è al primo posto in Europa per casi positivi e al terzo per numero di decessi.

Eppure il Presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato: "Abbiamo frenato la circolazione del virus", ma ha anche aggiunto “dobbiamo fare di tutto per evitare una terza ondata”.

A partire da domani (28 novembre) nel Paese inizierà un allentamento delle misure restrittive.


In evidenza:

  • La Francia ha superato le 50mila vittime di COVID-19;
  • Stop al lockdown in Francia da metà dicembre: bar, ristoranti e palestre riapriranno dal 20 gennaio se i contagi saranno sotto i 5000 giornalieri;
  • Lo smantellamento di un campo profughi nel cuore di Parigi e una proposta di legge del governo sulla sicurezza hanno portato in strada migliaia di manifestanti;

“Macron sa che tra meno di 18 mesi si terranno le elezioni presidenziali, alle quali si candiderà sicuramente e quindi la gestione del virus e il fatto che se ne possa uscire relativamente bene lo spinge a dare un messaggio di ottimismo al Paese”, ha spiegato Giampiero Martinotti da Parigi ai microfoni di SBS Italian.

Il giornalista ha poi paragonato il diverso approccio della Germania, dove la cancelliera Angela Merkel continua invece su una linea più severa rispetto alla gestione della pandemia: “Merkel ha detto da tempo che l’anno prossimo quando ci saranno le elezioni non si ricandiderà”.

Intanto, nel cuore della capitale francese, a Place de la Republique, lunedì 23 novembre è stato effettuato lo sgombero di un campo profughi da parte della polizia.

Le immagini dello sgombero hanno creato sconcerto nel Paese. La consigliera comunale di Parigi Danielle Simonnet ha condannato il trattamento degli immigrati: “Il Governo ha scelto di schierare la polizia per rimuovere con la forza una tenda dopo l'altra. È una vergogna. È una vergogna perché non è complicato per questo Governo garantire a tutti alloggi dignitosi. È un'emergenza umanitaria e sanitaria”.

Il Governo ha avviato un'indagine sull'accaduto, ma proprio sulla scia di questi eventi sta facendo molto discutere una proposta di legge presentata dal partito del presidente Macron.

Nell’articolo 24, il più contestato, si introduce un nuovo reato per chiunque diffonda immagini in grado di “danneggiare l’integrità fisica e morale” degli agenti di polizia, con multe fino a 45mila euro.

I critici sostengono che la legge, al momento al vaglio del Senato, renderà più complicato per i giornalisti raccontare le azioni violente o illegali della polizia, con il rischio che queste azioni diventino più frequenti e diffuse.

 “Quello che è successo lunedì sera, lo si è saputo perché lo si è visto grazie ad alcuni giornalisti che filmavano e tante persone che riprendevano con i loro telefonini. L’articolo 24 prevede che non si possano pubblicare immagini che siano frutto di ‘azione malevola’, che identifichino i poliziotti. Si è visto ripetutamente che nel caso in cui poliziotti si sono comportati in maniera violenta, lo si è saputo proprio grazie alle immagini fatte spesso da testimoni oculari”, secondo Martinotti.

Ascolta il punto di Giampiero Martinotti:

"Il lockdown è finito" in Francia, ma scoppiano le proteste per lo sgombero di un campo profughi a Parigi
00:00 00:00

Le persone in Australia devono stare ad almeno 1,5 metri di distanza dagli altri. Controllate le restrizioni del vostro stato per verificare i limiti imposti sugli assembramenti. 

Se avete sintomi da raffreddore o influenza, state a casa e richiedete di sottoporvi ad un test chiamando telefonicamente il vostro medico, oppure contattate la hotline nazionale per le informazioni sul Coronavirus al numero 1800 020 080.

Notizie e informazioni sono disponibili in 63 lingue all'indirizzo www.sbs.com.au/coronavirus. 

Ascolta SBS Italian tutti i giorni, dalle 8am alle 10am. Seguici su FacebookTwitter e Instagram.

Coming up next

# TITLE RELEASED TIME MORE
"Il lockdown è finito" in Francia, ma scoppiano le proteste per lo sgombero di un campo profughi a Parigi 27/11/2020 08:42 ...
News Flash martedì 19 gennaio 19/01/2021 05:11 ...
Fiducia dalla Camera, ora il momento della verità al Senato 19/01/2021 23:46 ...
Trasporto aereo, 118 miliardi volati via 19/01/2021 19:40 ...
Giornale radio martedì 19 gennaio 19/01/2021 09:19 ...
Cosa rischia Alexei Navalny? 19/01/2021 09:50 ...
Best of 2020: moscardini alla bùsara 18/01/2021 08:19 ...
Australian Open, è polemica tra i tennisti e il governo del Victoria 18/01/2021 10:55 ...
News Flash lunedì 18 gennaio 2021 18/01/2021 04:15 ...
Giornale radio lunedì 18 gennaio 18/01/2021 10:02 ...
View More