Coming Up Thu 8:00 AM  AEST
Coming Up Live in 
Live
Italian radio
SBS IN ITALIANO

Il mandolino dai mille volti, anche quello controverso

Carlo Aonzo by Luigi Cerati Source: Courtesy of Carlo Aonzo

Il giornalista bergamasco Vittorio Feltri recentemente ha scritto in un editoriale su Libero che "il Nord vuole riaprire per lavorare, non per suonare il mandolino", attraendo la indignata reazione degli italiani del centro-sud.

Il mandolinista e storico Carlo Aonzo ha reagito dicendo che affermazioni come questa indicano una "ignoranza" del valore classico e simbolico che il mandolino ha in tutta Italia, da nord a sud, e nel resto del mondo.

"Noi conosciamo il mandolino, che è uno dei simboli d'Italia, ma lo conosciamo come il mandolino napoletano", spiega Carlo Aonzo. "Bisogna scalfire lo stereotipo".

"In realtà si scopre che il mandolino poteva essere genovese, milanese, romano, siciliano, veneto perchè ha una storia interessantissima anche in tutte le altre regioni d'Italia".

Carlo Aonzo ha studiato mandolino sin da bambino e per "andare a scuola" non doveva fare altro che spostarsi da una stanza all'altra della sua abitazione. Infatti la sede della Scuola di Musica del Circolo Mandolinistico “G. Verdi” era nella sua casa di Savona, istituita dal padre.

Poi però ha cambiato scuola e residenza spostandosi a Padova dove si è laureato con il massimo dei voti nel locale conservatorio nel 1993.

Oggi Aonzo è uno dei massismi esponenti internazionali di mandolino, collabora con le maggiori orchestre e insegna lo strumento in Italia e negli Stati Uniti.


  • La legge in Italia non include il mandolino tra gli strumenti da insegnare nelle scuole medie a indirizzo musicale, ma alcune scuole "fuorilegge" hanno deciso di farlo ugualmente.
  • Migliaia di emigranti hanno portato il mandolino all'estero facendolo conoscere e amare in tutto il mondo, inclusa l'Australia.
  • Lavori per questo strumento sono stati scritti tra gli altri anche da Mozart, Beethoven, Vivaldi, Verdi,  Stravinski, Prokoviev e Schoenberg.
  • La storia dello strumento è raccontata dal mandolinista e storico Carlo Aonzo nei mini-documentari "L'Italia dei Mille mandolini".

 

Courtesy of Carlo Aonzo
Courtesy of Carlo Aonzo

L'insegnamento del mandolino in Italia

Le scuole medie a indirizzo musicale non possono insegnare il mandolino, in quanto non è incluso nella lista degli strumenti "istituiti in modo strutturale dall'articolo 11 della legge 3 maggio 1999, n. 124". Nel 2014 è stato presentato un emendamento per farlo includere, ma senza risultato.

"C'è una sorta di discrimanzione nei confronti dello strumento, perché c'è ancora molta ignoranza ed è relagato ad un ambito folcloristico del nostro paese", spiega deluso Carlo Aonzo.

"Nonostante questa carenza legislativa, ci sono alcuni professori fuorilegge che danno l'opportunità di imparare il mandolino, perché i ragazzi lo cercano"

Courtesy of Carlo Aonzo
Carlo Aonzo con il chitarrista classico Re Izquierdo.
Courtesy of Carlo Aonzo
 

Il mandolino e i grandi della musica

Il caratteristico suono del mandolino ha affascinato i grandi geni del passato. Wolfgang Amadeus Mozart lo ha immortalato nella sua celebre Komm Liebe Zither. Le note del mandolino sono finite anche negli spartiti di Ludwig van Beethoven, Antonio Vivaldi, Giuseppe Verdi e molti altri.

"Verdi era il presidente onorario del Circolo Mandolinisti di Milano", sottolinea Aonzo parlando dell'amore che il sommo compositore di Busseto aveva per questo strumento e che ha usato anche nell'Otello, il suo ultimo capolavoro drammatico.

Carlo Aonzo ha suonato spesso concerti classici con alcune delle più famose orchestre mandolinistiche italiane e internazionali, in particolare con quella Flora di Sendai in Giappone oggi una delle più apprezzate al mondo.

 

Courtesy of Carlo Aonzo
Carlo Aonzo con l'Orchestra a pizzico ligure.
Courtesy of Carlo Aonzo

La polemica con Vittorio Feltri

La dichiarazione del giornalista Vittorio Feltri: "al nord la gente è impaziente per tornare al lavoro e non per andare in strada a suonare il mandolino", ha suscitato accese polemiche nel centro e sud Italia per l'allusione che gli italiani del nord attendo la fine del lockdown per riprenedere a lavorare e invece quelli al centro-sud per andare a divertirsi.

"È una vera provocazione, però di mezzo c'e anche il mandolino," afferma Aonzo ai nostri microfoni.

"Feltri, che è nato a Bergamo, non sa che proprio a Bergamo c'è una fiorentissima attività mandolinistica. Facendo queste esternazioni lui offende anche i suoi citttadini e la sua stessa città per ignoranza"

Courtesy of Carlo Aonzo
Courtesy of Carlo Aonzo

 L'Italia dei Mille Mandolini

La serie di otto mini-documentari esplora la storia del mandolino nella maggiori città e regioni italiane. È nata come idea per "passare il tempo" durante il lockdown del COVID-19, ma il successo ha spinto Carlo Aonzo a progettarne un nuovo ciclo.

Clicca sul nome per guardare uno dei mini-documentari:

GenovaTorinoMilanoRoma , Napoli , L'EmiliaLa SiciliaVenezia e il Veneto

 

Courtesy of Carlo Aonzo
il Trio Aonzo. Da sinistra, al basso Luciano Puppo, al mandolino Carlo Aonzo e alla chitarra Lorenzo Piccone.
Courtesy of Carlo Aonzo

Il mandolino "emigrante"

Melbourne è stato uno dei centri mondiali più attivi nel promuovere il mandolino e presto la storia d'amore tra questo strumento e la capitale del Victoria sarà al centro di un nuovo documenatario prodotto da Aonzo. Lo anticipa in esclusiva a SBS Italian lo stesso maestro che con il Carlo Aonzo Trio ha effettuato a gennaio e febbraio un lungo tour girando l'Australia in lungo e in largo riscuotendo un enorme successo. Dopo l'Australia la tappa successiva è stata l'India prima che il COVID-19 mettesse in "quarantena" gli altri impegni internazionali, incluso un nuovo tour degli Stati Uniti.

I lunghi periodi trascorsi all'estero per concerti e insegnamento, hanno permesso a Carlo Aonzo di acquisire una profonda conoscenza della storia del mandolino nel mondo, in particolare tra le comunità degli emigranti italiani.

"Sta per uscire in questi giorni il documentario del mandolino emigrante in quanto simbolo degli italiani che se lo sono portato dietro come elemento fondamentale della loro identità, e dove parleremo principalmente dell'Australia", anticipa Aonzo ai nostri microfoni.

"Sarà interessante vedere come il mandolino ha colonizzato anche l'Australia soprattutto grazie agli emigranti italiani".

Un irrestistibile appuntamento al quale saremo presenti e che attendiamo con impazienza.

Coming up next

# TITLE RELEASED TIME MORE
Il mandolino dai mille volti, anche quello controverso 28/06/2020 19:21 ...
Mentre la crisi imperversa, i grandi del mercato dell'arte incassano 08/07/2020 03:17 ...
Le conseguenze economiche della "chiusura" del Victoria 08/07/2020 17:57 ...
Giornale radio mercoledì 8 luglio 08/07/2020 10:01 ...
Dalle Alpi bellunesi, i casunzièi all’ampezzana 07/07/2020 08:09 ...
Il rapper Kanye West può davvero diventare Presidente degli USA? 07/07/2020 14:59 ...
Giornale radio martedì 7 luglio 07/07/2020 10:20 ...
Central Coast, come la crisi ha cambiato i ristoranti italiani 06/07/2020 25:29 ...
Juve, si avvicina il nono scudetto consecutivo 06/07/2020 22:57 ...
Melbourne, due quartieri "agli arresti domiciliari" 06/07/2020 12:27 ...
View More