Coming Up Mon 8:00 AM  AEDT
Coming Up Live in 
Live
Italian radio

Il Museo che non c'è, l'arte da Torino al mondo intero

Inizia da un'ampia hall la visita virtuale al Museo che non c'è. Source: Fondazione De Fornaris

La Fondazione De Fornaris ha realizzato un museo virtuale dal nulla. Non la riproduzione fotografica di un edificio e delle opere che vi sono esposte, ma uno spazio unico in cui la splendida collezione della Fondazione trova una vita digitale e diventa accessibile a tutti.

La Fondazione De Fornaris ha raccolto dalla sua istituzione nel 1982 migliaia tra dipinti, sculture, installazioni, fotografie e raccolte di grafica. Questo patrimonio inestimabile è consevato nella GAM - Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino, che ne espone a rotazione una selezione limitata. La Fondazione non dispone infatti di uno spazio espositivo proprio.

Da questo limite è nata l'idea di uno spazio virtuale che esiste solo in forma digitale, in cui esporre alcune tra le opere più significative della Fondazione. Il "Museo che non c'è" è accessibile attraverso il sito della Fondazione o scaricando l'app "Museo Virtuale De Fornaris" dall'App Store per iOs o da Google Play per Android.

One of the halls of the Virtual Museum De Fornaris
Una delle sale visitabili all'interno del Museo Virtuale.
Fondazione De Fornaris

Riccardo Passoni, direttore della GAM e curatore del progetto artistico culturale del museo virtuale, racconta come l'idea sia nata quasi tre anni fa e si sia concretizzata proprio quest'anno in cui le esperienze virtuali ad ogni livello sono diventate sempre più comuni, e talvolta l'unica opzione disponibile, a causa delle chiusure e dei lockdown conseguiti alla pandemia del COVID-19.

Nel decidere l'aspetto delle sale virtuali, Giacomo Boggetto, che si è occupato del coordinamento tecnologico del progetto, dice che l'ispirazione principale è stata proprio la Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino. 

Painting by Hayez, the Announcing Angel
L'Angelo Annunziatore (1824) di Francesco Hayez, nella sala 2 del Museo che non c'è
Fondazione De Fornaris

Oltre all'ampio atrio, i visitatori del Museo Virtuale de Fornaris possono accedere a 6 sale e possono anche muoversi all'esterno, dove altre opere sono esposte. Eccovi una breve "mappa" del Museo.

  • Sala 1: è un omaggio al mecenate, artista e collezionista Ettore De Fornaris e racchiude una serie di opere a lui appartenute, tra cui Novembre di Antonio Fontanesi.
  • Sala 2: dedicata all’Ottocento e ai primissimi anni del Novecento e comprende opere come L’Angelo Annunziatore di Francesco Hayez e L’Amore nella vita di Giuseppe Pellizza Da Volpedo. 
  • Sala 3: si concentra sui protagonisti dell’arte italiana della prima metà del Novecento e avvia il percorso con una serie di ritratti femminili pre-futuristi di Balla e Boccioni.
  • Sala 4: si vedono esempi significativi della pittura torinese tra le due guerre, con dipinti di pittori come Felice Casorati, Carlo Levi e Francesco Menzio.
  • Sala 5: presenta 11 opere dei maggiori artisti del Novecento, tra cui Bianco di Alberto Burri e Natura Morta di Giorgio Morandi.
  • Sala 6: è stata ideata per dare risalto a momenti salienti dell’arte contemporanea, dal 1960 a oggi: dal concettuale Giulio Paolini, allo sperimentatore Aldo Mondino, agli esponenti dell’arte analitica Marco Gastini e Giorgio Griffa.

Natura Morta by Giorgio Morandi
Natura Morta (1950) di Giorgio Morandi, una delle opere esposte nel Museo Virtuale della Fondazione De Fornaris.
Fondazione De Fornaris

Forse il modo più innovativo di visitare questo museo, tra i pochissimi al mondo che esistono solo online, è tramite l'applicazione di Oculus scaricabile dal sito della Fondazione, che offre un'esperienza tridimensionale attraverso il visore per la realtà virtuale Oculus Rift.

Ascolta l'intervista completa con i responsabili del progetto

Il Museo che non c'è, l'arte da Torino al mondo intero
00:00 00:00

Le persone in Australia devono stare ad almeno 1,5 metri di distanza dagli altri. Controllate le restrizioni del vostro stato per verificare i limiti imposti sugli assembramenti. 

Se avete sintomi da raffreddore o influenza, state a casa e richiedete di sottoporvi ad un test chiamando telefonicamente il vostro medico, oppure contattate la hotline nazionale per le informazioni sul Coronavirus al numero 1800 020 080.

Notizie e informazioni sono disponibili in 63 lingue all'indirizzo www.sbs.com.au/coronavirus. 

Ascolta SBS Italian tutti i giorni, dalle 8am alle 10am. Seguici su FacebookTwitter e Instagram.

Coming up next

# TITLE RELEASED TIME MORE
Il Museo che non c'è, l'arte da Torino al mondo intero 19/12/2020 14:43 ...
"Mi piacerebbe scrivere, ma non ora. Voglio lavorare per i giovani" 28/11/2021 14:03 ...
La Victorian Opera pronta per la stagione 2022 28/11/2021 18:46 ...
Giornale radio domenica 28 novembre 2021 28/11/2021 09:38 ...
Melbourne, ecco perché il municipio di Moreland potrebbe cambiare nome 27/11/2021 18:28 ...
Giornale radio sabato 27 novembre 2021 27/11/2021 12:24 ...
"Swala for Christmas", una campagna per sostenere l'educazione delle adolescenti in Tanzania 26/11/2021 07:27 ...
TedX Sydney, l'eresia al centro dell'intervento di Monica Gagliano 26/11/2021 07:32 ...
Elezioni Comites e patronati nel Victoria, c’è conflitto d’interesse? 26/11/2021 09:53 ...
"Studiavo italiano pensando di migliorare la mia carriera, invece ho trovato l'amore" 26/11/2021 13:47 ...
View More