Coming Up Sun 8:00 AM  AEST
Coming Up Live in 
Live
Italian radio

La comunità italiana rispetta le persone anziane?

Il calore, i forti legami familiari e l'amore verso i più anziani sembrano essere i caratteri distintivi della nostra comunità. Questa è almeno l'immagine che rispecchiamo verso l'esterno, ma è davvero così?

La Dott.ssa Catherine Barrett, fondatrice e direttrice del progetto nazionale Celebrate Ageing rivolto a combattere la discriminazione verso le persone anziane, ne ha fatto il suo leitmotiv. Oggi è infatti totalmente impegnata nel recupero del rispetto verso le persone più anziane e a valorizzarne il ruolo e l'importanza all'interno della società.

La discriminazione verso gli anziani in Australia non è cosa nuova. Sono passati solo 12 mesi dalla chiusura di Oakden, una struttura di cura per gli anziani in South Australia dove sono stati dimostrati casi di abusi e negligenza da parte degli operatori verso gli ospiti. E poche settimane fa, precisamente lo scorso 17 settembre, è stata annunciata dal Primo Ministro australiano Scott Morrison una Commissione reale d'inchiesta sulle case di cura in Australia, volta ad investigare la qualità dell'assistenza agli anziani che vi risiedono. La spinta è arrivata dai risultati messi in luce dai dati raccolti dall'agenzia Aged Care Quality, che hanno mostrato un aumento del 177 % nello scorso anno finanziario, del numero delle strutture dedicate agli anziani identificate come "a rischio".

Ageism o, in italiano, discriminazione basata sull'età. È proprio questo, secondo la Dott.ssa Barrett, il problema al giorno d'oggi. Una questione che oggi va affrontata e risolta rinforzando la posizione degli anziani nella società.

"Viviamo in una società che nega l'invecchiamento" dice Catherine, in cui prevale l'idea che "la bellezza è giovane". Lo vediamo nella sempre più diffusa vendita di prodotti contro l'invecchiamento e nella promozione della chirugia estetica, che è sempre più accessibile: basta un'iniezione di botox per bloccare le rughe ed il passare del tempo. L'invecchiamento, insomma, va combattuto. È un elemento negativo e per questo, sempre secondo la Dott.ssa Barrett, molte persone oggi hanno perso il rispetto per gli anziani.

"Viviamo in una società che nega l'invecchiamento"

 

L'esperienza che viene acquisita attraverso l'età è inestimabile. Si tratta del risultato del percorso di una vita intera, costruito poco alla volta. E quindi che cosa possiamo imparare oggi dagli anziani? Secondo Catherine gli anziani sono meravigliosi quando raccontano le storie, questo lo sanno i nipotini, ma soprattutto con l'età arrivano la saggezza e l'autencitità: diventiamo più consapevoli di noi stessi, sappiamo meglio che cosa vogliamo, quali sono i nostri obiettivi e come raggiungerli.

Catherine Barrett sta organizzando un'intera conferenza dedicata alla terza età. Il titolo è "Embolden", che tradotto in italiano significa proprio incoraggiare, dare forza; nelle intenzioni sarà un'occasione attraverso cui costruire una rete ed un gruppo di lavoro insieme agli operatori del settore per valorizzare il ruolo degli anziani nella società, questione che oggi sembra sempre più dimenticata.

Una delle particolarità è che ci sarà anche un market of ideas: un momento in cui, proprio come al mercato, le persone presenti saranno libere di chiacchierare e scambiare informazioni, idee e progetti volti a costruire un mondo in cui la discriminazione verso gli anziani non esiste.

La diversità culturale è al cuore dell'evento organizzato da Catherine, che ha scelto la cultura italiana come filo conduttore. Ci saranno nonne a distribuire il caffè ed i biscotti, ma anche messaggi di rispetto e tolleranza verso gli anziani. Catherine ha chiesto ad alcuni membri più anziani della nostra comunità, di condividere la loro esperienza e quegli aspetti che, secondo loro, si possono imparare dalla cultura italiana riguardo al rispetto per gli anziani. Si tratta di piccole storie di vita quotidiana, ed un esempio è la breve storia di una donna che ha scritto: "Ieri sera stavo piangendo e  mia figlia è saltata sul mio letto, mi ha abbracciata, mi ha baciata e mi ha detto: mamma, non ti preoccupare, tutto andrà bene!". Ed è proprio il calore della famiglia che ha sempre attratto l'attenzione di Catherine, sin da quando lavorava come infermiera in una casa di cura.

"Ieri sera stavo piangendo e mia figlia è saltata sul mio letto, mi ha abbracciata, mi ha baciata e mi ha detto: mamma, non ti preoccupare, tutto andrà bene!"

Putroppo anche nelle famiglie italiane esistono diversi casi di maltrattamento e abuso delle persone anziane. Ma la percezione di Catherine, esperta del settore, è che il calore umano, l'amore ed il forte legame che si crea tra i membri delle familgie italiane siano elementi distintivi della nostra cultura. Concetti che vorrebbe importare e diffondere nella società Australiana e che cercherà di far conoscere attraverso "Embolden 2018". 

Se volete condividere le vostre storie con Catherine potete visitare lo spazio dedicato alla cultura italiana nel loro sito.

Seguici su Facebook, Twitter e Instagram

Coming up next

# TITLE RELEASED TIME MORE
La comunità italiana rispetta le persone anziane? 04/10/2018 08:03 ...
"Preferisco restare qui in Australia" 25/08/2019 20:20 ...
L'ex kickboxer di Milano che insegna agli australiani l'arte dell'autodifesa 24/08/2019 18:21 ...
Oggi e domani Griffith ospita l'Italian Festival 24/08/2019 10:27 ...
Quali sono i film da non perdere a Venezia? 24/08/2019 07:44 ...
"Il bilinguismo? È uno stile di vita" 24/08/2019 13:53 ...
G7: un vertice contro "ogni forma di diseguaglianza" 23/08/2019 09:01 ...
Un ponte verso la prosperità 23/08/2019 07:25 ...
Italia: ancora in salita la strada per formare un nuovo governo 23/08/2019 11:25 ...
Into the Wild: il viaggio "estremo" di Francesco tra solitudine e incontri 22/08/2019 14:09 ...
View More