Coming Up Wed 8:00 AM  AEST
Coming Up Live in 
Live
Italian radio

I vaccini fermeranno la variante Omicron? Informazioni sulla dose di richiamo

The vaccine technology underlying the booster shots is the same as the first and second vaccine doses. Source: AAP

I vaccini fermeranno la variante Omicron? Molti esperti hanno indicato che gli attuali vaccini e le dosi di richiamo o booster dovrebbero ancora offrire protezione contro la nuova variante.

La nuova variante COVID-19, Omicron, è stata definita come una variante preoccupante da parte dell'Organizzazione mondiale della sanità, e ci si chiede se i vaccini COVID-19 esistenti potrebbero non essere così efficaci contro di essa.

Potrebbero rendersi necessarie nuove formulazioni per i vaccini. Pfizer ha reso noto che potrebbe modificare il vaccino esistente entro 100 giorni, e Moderna ha annunciato che potrebbe ottenere lo stesso risultato entro l'inizio del 2022.

Chi riceverà le dosi di richiamo?

Il programma australiano di vaccinazione di richiamo contro il COVID-19 (o booster) è iniziato a ottobre, e dall'8 novembre le dosi di richiamo sono disponibili per chiunque, dai 18 anni in su, abbia ricevuto entrambe le dosi del vaccino COVID-19 almeno sei mesi fa.

ATAGI attualmente non raccomanda dosi di richiamo alle persone di età compresa tra 12 e 17 anni e alle persone gravemente immunocompromesse che hanno ricevuto una terza dose per completare la loro vaccinazione primaria.

People at the Boondall mass vaccination hub in Brisbane on 18 September 2021.
People at the Boondall mass vaccination hub in Brisbane on 18 September 2021.
AAP

Quando si dovrebbe ricevere la dose di richiamo?

L'intervallo raccomandato per la terza dose per coloro che sono gravemente immunocompromessi  è compreso tra due e sei mesi dopo la seconda dose di vaccino.

In circostanze eccezionali, come un'epidemia o l'intensificazione dell'immunosoppressione, l'intervallo può essere ridotto a quattro settimane.

Per la popolazione generale, chiunque abbia 18 anni e oltre dovrebbe attendere almeno sei mesi dopo la seconda dose.


A healthcare worker speaks to a patient after administering a Covid19 vaccination at a pop-up vaccination van in Epping, Melbourne.
A healthcare worker speaks to a patient after administering a Covid19 vaccination at a pop-up vaccination van in Epping, Melbourne.
AAP

Come funzionano le dosi di richiamo?

La tecnologia del vaccino alla base delle dosi di richiamo è la stessa della prima e della seconda dose di vaccino.

La dose di richiamo o booster ha lo scopo di garantire che il livello di immunità e protezione dalle prime dosi del vaccino sia mantenuto a un certo livello man mano che l'effetto degli anticorpi svanisce nel tempo.

La dottoressa Emily Edwards, del Dipartimento di Immunologia e Patologia della Monash University, ha affermato che gli elementi costitutivi per le dosi di richiamo attingono alle conoscenze sviluppate dai vaccini in passato, inclusi quelli contro l'epatite e il papillomavirus umano (HPV) che fanno parte dei programmi di immunizzazione nelle scuole.

"Si tratta di basi su cui si è costruito", ha detto a SBS News a ottobre. "La tecnologia potrebbe essere lì da anni, ed è il caso dei vaccini e degli strumenti immunologici che utilizziamo per monitorare come si risponde al vaccino e al virus".

Quale dose di richiamo dovresti ottenere?

ATAGI raccomanda che la terza dose sia Pfizer, che è un vaccino mRNA, indipendentemente dal vaccino che una persona ha ricevuto per il suo ciclo di vaccinazione primario.

Il governo si aspetta che vengano aggiunti altri vaccini, incluso Moderna, man mano che giungeranno le approvazioni dalla Therapeutic Goods Administration.

Sebbene non sia quello preferito, AstraZeneca può essere utilizzato per la terza dose per coloro che l'hanno ricevuto per le dosi precedenti e non hanno subito alcuna reazione avversa, come l'anafilassi. Può essere utilizzato anche per coloro che hanno avuto una reazione avversa significativa dopo un precedente vaccino a mRNA.

Come posso prenotare?

Le prenotazioni sono disponibili per le persone che ne hanno diritto tramite gli studi medici.

Si può prenotare attraverso il sito Vaccine Clinic Finder

Quanto sono efficaci le dosi di richiamo?   

Gli scienziati stanno cercando di stabilire se gli attuali vaccini offrano protezione contro la variante Omicron.

Nel caso della variante Delta i vaccini hanno continuato a mantenere alti livelli di protezione contro i ricoveri gravi e la morte.

Il dottor Edwards ha affermato che quando le giurisdizioni australiane usciranno dai lockdown, saranno ancora necessari altri strumenti di salute pubblica come mascherine e distanziamento fisico. Ma l'efficacia dei vaccini rimane ancora elevata, anche per i richiami.

"Se sei vaccinato, è più probabile che tu sia protetto rispetto a qualcuno che non lo è. Ci saranno ancora alcune infezioni, sfortunatamente. Ma significa che [potrebbe] ancora proteggerti da malattie gravi, che è davvero importante, soprattutto in questa pandemia globale".

Ci sono rischi o effetti collaterali?

Siccome le dosi di richiamo sono gli stessi vaccini utilizzati per le dosi precedenti, si prevede che i consigli medici sugli effetti collaterali siano gli stessi. Ma le autorità sanitarie di tutto il mondo stanno osservando da vicino eventuali effetti collaterali a lungo termine.

Abbiamo dosi sufficienti per tutti? 

Ad ottobre, il ministro Greg Hunt ha dichiarato che l'Australia è ben preparata per fornire le dosi di richiamo. 

"Con oltre 151 milioni di vaccini Pfizer, Novavax e Moderna già assicurati per la fornitura in futuro, l'Australia è ben preparata a fornire dosi di richiamo man mano che le approvazioni vengono fornite dagli esperti medici", ha affermato.

L'esperto di malattie infettive Sanjaya Senanayake ha affermato in precedenza a livello internazionale che la discussione sui richiami nelle nazioni ricche ha acceso i riflettori sull'equità del vaccino.

"In fin dei conti, se siamo protetti da gravi malattie e ospedalizzazioni [in Australia], dovremmo cercare di aiutare il resto del mondo", ha detto. "Dobbiamo essere altruisti per essere egoisti quando si tratta di COVID-19 e vaccinazione", ha aggiunto, riferendosi all'immunità di gregge o della popolazione nella regione Asia-Pacifico.

Additional reporting: Shuba Krishnan

This story is also available in other languages.