Coming Up Tue 8:00 AM  AEST
Coming Up Live in 
Live
Italian radio

Il South Australia allenta le restrizioni dopo che un contatto stretto "ha deliberatamente ingannato le autorità"

South Australia Premier Steven Marshall arriving to address the media during a press conference in Adelaide. Source: AAP

ll premier del South Australia Steven Marshall ha ammesso di essere "arrabbiato" per il fatto che una persona risultata positiva al coronavirus, dopo aver frequentato il Woodville Pizza Bar, abbia deliberatamente fuorviato il team di tracciatori di contatti dello stato.

Il South Australia ha registrato tre nuovi casi oggi, tutte persone in quarantena.

Ci sono 25 casi ora collegati al focolaio. 

"La loro storia non tornava. Gli siamo stati appresso. Ora sappiamo che hanno mentito", ha detto Marshall.


 

Punti chiave

  • Una persona risultata positiva al coronavirus ha deliberatamente fuorviato il team di tracciatori di contatti dello stato.
  •  I gruppi familiari sono autorizzati a fare sport insieme con effetto immediato.
  • Il South Australia riaprirà il confine con il Victoria il  1° dicembre.

"Le azioni egoistiche di questo individuo hanno messo tutto il nostro stato in una situazione molto difficile. Le sue azioni hanno colpito aziende, individui, gruppi familiari ed è completamente e assolutamente inaccettabile".

La persona infetta aveva detto ai tracciatori di contatti di essere andato/a al Woodville Pizza Bar per acquistare una pizza — e non di aver lavorato nel locale per diversi turni.

Nonostante la necessità di rintracciare e isolare un gruppo nuovo di contatti stretti, Marshall ha annunciato che lo stato inizierà ad allentare le restrizioni, con i gruppi familiari autorizzati a fare sport insieme con effetto immediato.

"La conseguenza di questa menzogna è che siamo in lockdown per sei giorni", ha detto il commissario di polizia Grant Stevens.

"A partire dalla mezzanotte di sabato, torneremo a una serie di restrizioni molto simili a quelle imposte all'inizio di questa settimana.

"I locali saranno limitati a una densità di una persona per quattro metri quadrati e potranno avere al massimo 100 persone; le prenotazioni dei tavoli saranno limitate a 10 persone ".

Attualmente sono in vigore le seguenti restrizioni: 

  • Ai funerali si possono avere al massimo 50 persone, mentre ai matrimoni se ne possono avere 150, ma gli ospiti dovranno rimanere seduti e non si potrà ballare. 
  • Alle cerimonie religiose si possono avere al massimo 100 persone, mentre ai raduni privati se ne possono avere al massimo 50. 
  • A casa si possono avere al massimo 10 ospiti. 
  • Gli operatori sanitari, come parrucchieri e terapisti di bellezza, sono tenuti a indossare la mascherina, e anche i clienti sono fortemente incoraggiati a farlo.
  • Le palestre possono riaprire a mezzanotte di sabato mentre le scuole riprenderanno lunedì mattina.

"Stiamo puntando a ritornare alle stesse restrizioni che avevamo lo scorso venerdì dal 1° dicembre, lo stesso giorno in cui riapriremo il confine con il Victoria — a condizione che riusciamo ad isolare tutti i casi positivi", ha affermato Stevens.

Il Victoria ha chiuso il confine con il South Australia e sta conducendo moltissimi test in due località nel Victoria regionale.

Nel Victoria sono stati registrati zero nuovi casi di coronavirus per il 21° giorno consecutivo, anche se il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani del Victoria ha annunciato che c'è un caso sotto investigazione. 

La "chiusura senza eccezioni" del confine con il South Australia è entrata in vigore giovedì poco prima della mezzanotte e rimarrà in vigore fino a domenica, quando verrà implementato un sistema di permessi.

Questa chiusura di 48 ore è stata innescata dall'inaspettata comparsa del coronavirus nelle acque reflue a Benalla e Portland, e dall'aumento dei casi ad Adelaide.

I residenti di Benalla e Portland, e chiunque vi si sia recato tra il 15 e il 17 novembre ed abbia avvertito qualche sintomo, sono tenuti a sottoporsi a test e a isolarsi fino a quando non riceveranno il risultato.

 

0:00

Nuove cliniche mobili dove le persone potranno sottoporsi al test verranno aperte a Benalla e Portland venerdì pomeriggio.

Il vice direttore sanitario del Victoria, Allan Cheng, ha affermato che le tracce del virus potrebbero derivare da un'infezione attiva o da una persona che era testata positiva e che si è ripresa.

Secondo l'attuale chiusura del confine con il Victoria, solo i conducenti di mezzi per il trasporto merci e chi ha ragioni mediche o di emergenza, nonché le persone autorizzate dalla legge, come gli agenti di protezione dei minori, potranno attraversare il confine.

Più di 300 poliziotti stanno pattugliando la parte di Victoria regionale lungo il confine con il South Australia, da Mildura fino a Portland.

È la prima volta che il Victoria chiude il confine con un altro stato durante la pandemia.

Poiché il Victoria ha registrato il suo 20° giorno senza nessun nuovo caso di coronavirus e nessun decesso, Andrews ha affermato che la chiusura non avrà alcun impatto sui piani per allentare ulteriormente le restrizioni lunedì. 

Ci sono soltanto tre casi attivi nel Victoria, con 17.161 persone testate nelle ultime 24 ore. 

Le persone in Australia devono stare ad almeno 1,5 metri di distanza dagli altri. Controllate le restrizioni del vostro stato per verificare i limiti imposti sugli assembramenti. 

Se avete sintomi da raffreddore o influenza, state a casa e richiedete di sottoporvi ad un test chiamando telefonicamente il vostro medico, oppure contattate la hotline nazionale per le informazioni sul Coronavirus al numero 1800 020 080.

Notizie e informazioni sono disponibili in 63 lingue all'indirizzo www.sbs.com.au/coronavirus

Ascolta SBS Italian tutti i giorni, dalle 8am alle 10am. Seguici su FacebookTwitter e Instagram.

This story is also available in other languages.