SBS Radio App

Download the FREE SBS Radio App for a better listening experience

Advertisement
This article is only available in Italian.
English
By
Carlo Oreglia

1 Apr 2019 - 11:57 AM  UPDATED 1 Apr 2019 - 11:57 AM

Entro fine anno entreranno in vigore i nuovi visti regionali ed iniziano ad arrivare i primi dettagli dal governo australiano.

I nuovi visti regionali saranno due, a loro volta divisi in due fasi, una provvisoria e una permanente. Entrambi i visti entreranno in vigore da novembre 2019. 

“Considerando i tipi di visti proposti”, racconta Emanuela Canini a SBS Italian, “sembra una manovra per poi eliminare altri due visti molto simili, il 187 sponsorizzato dalle aziende e il 489 con la nomina regionale”.

Il primo visto è lo Skilled Work Regional

Questo sarà un visto provvisorio per chi ottiene una nomina da parte di una regione oppure per chi abbia un famigliare che abita nella zona regionale.

Questo visto ricalca il 489, il visto a punti attualmente in vigore. La differenza è che con il 489 bisogna stare nella zona regionale per almeno due anni per poi richiedere la residenza permanente, mentre con il nuovo visto ci si dovrà stare per tre anni, per poi richiedere il Permanent Residence Skilled Regional visa.

Verranno messi a disposizione 14.000 posti l’anno, per più di 500 occupazioni. Questo visto provvisorio durerà cinque anni e la sua pratica verrà sbrigata in modo prioritario dal dipartimento.

Lo Skilled Employer Sponsored Regional

La differenza con il visto precedente è che per questa tipologia sarà necessario uno sponsor.

Questo nuovo visto assomiglia molto all’attuale 187 con una differenza chiave. Mentre con il 187 si ottiene subito la residenza permanente (con l’impegno di lavorare per due anni per lo sponsor pena la sua cancellazione), dal prossimo novembre il nuovo visto sarà provvisorio. Bisognerà poi lavorare per lo sponsor per tre anni prima di poter richiedere la residenza permanente con il Permanent residence skilled regional.

Sono tante le opzioni per chi sceglie questo visto, con 9.000 posti disponibili l’anno e quasi 700 occupazioni.

Come per lo Skilled Work Regional, anche lo Skilled Employer Regional durerà cinque anni, con una corsia preferenziale per la sua approvazione.

“L’unica notizia buona” commenta Emanuela Canini, “è che la definizione di zona regionale sarà leggermente ampliata includendo anche Wollongong e Newcastle, mentre al momento non possono rientrare in questa definizione”.

Fuori dalle zone regionali rimangono dunque Sydney, Melbourne, Brisbane, Perth e la Gold Coast.

Listen to SBS Italian every day from 8am to 10am. Follow us on FacebookTwitter and Instagram.