Coming Up Wed 8:00 AM  AEDT
Coming Up Live in 
Live
Italian radio
SLOW ITALIAN, FAST LEARNING

Ep.129: Nuove prove della possibilità di vita su Venere

Venus has long been considered the planet with the most features in common with Earth. Source: Universal Images Group Editorial

Secondo uno studio della rivista Nature Astronomy, i telescopi alle Hawaii e in Cile hanno individuato la firma chimica della fosfina, un gas nocivo che sulla Terra è associato solo alla vita.

SCARICA la trascrizione col testo a fronte in inglese.    

Italian

VENUS HISTORY RNF fx1 

La sonda spaziale Pioneer 5 della NASA, lanciata nel marzo 1960, era originariamente destinata ad andare su Venere. 

Difficoltà tecniche hanno significato che la missione è stata modificata per esplorare invece lo spazio interplanetario tra la Terra e Venere. 

La sonda ha fornito la prima mappa del campo magnetico interplanetario. 

La prima missione di successo su Venere - e la prima missione riuscita su qualsiasi pianeta - è stata quella di Mariner 2. 

VENUS HISTORY RNF fx2 blasts off 

Il programma spaziale Mariner era una serie di missioni della NASA per esplorare Venere, Marte e Mercurio. 

Il Mariner 2 fu lanciato nell'agosto 1962 e completò il suo sorvolo di Venere - a soli 34.854 chilometri di distanza - nel dicembre dello stesso anno. 

VENUS HISTORY RNF fx3 orbits 

Mariner 2 ha condotto una scansione di 42 minuti del pianeta. 

I dati raccolti non indicavano differenze significative di temperatura su Venere, con rilevazioni dal lato oscuro e diurno comprese tra 216 e 237 gradi Celsius.

Mariner 2 ha anche scoperto che c'era un denso strato di nubi che si estendeva da 56 a 80 chilometri sopra la superficie.

L’ultima sonda della serie, Mariner 10, è stata la prima a indagare su due pianeti in un'unica missione. 

VENUS HISTORY RNF fx4 Mariner 10 

Lanciato nel novembre 1973, ha sorvolato Venere nel febbraio 1974. 

Ha restituito più di 4.000 immagini del pianeta e altri dati importanti, prima di utilizzare la gravità venusiana per cambiare il suo corso e dirigersi verso Mercurio per il resto della sua missione. 

Nel 1978, la NASA ha inviato una missione multi-sonda su Venere. 

Pioneer Venus 2 includeva una sonda grande e tre sonde più piccole. 

Ogni sonda ha aperto le porte degli strumenti ad altitudini di circa 70 chilometri e ha iniziato a trasmettere immediatamente informazioni sull'atmosfera venusiana. 

Ogni sonda ha impiegato dai 53 ai 56 minuti per raggiung Lere la superficie. 

Due delle tre piccole sonde sono sopravvissute al duro impatto; una di loro ha trasmesso dati dalla superficie per 67 minuti e 37 secondi, prima di soccombere alle alte temperature, alla pressione e all'esaurimento della batteria.

I dati delle sonde hanno indicato che tra circa 10 e 50 chilometri non c'è quasi nessuna convezione nell'atmosfera di Venere, e che sotto uno strato di foschia a circa 30 chilometri, l'atmosfera è relativamente limpida. 

Nel novembre 2005, l'Agenzia Spaziale Europea ha lanciato Venus Express, una sonda progettata per esplorare l'atmosfera calda e densa di Venere. 

La prima missione di esplorazione europea di Venere ha trasmesso informazioni fino a dicembre 2014, quando si ritiene che abbia esaurito il carburante. 

Ora, gli astronomi che osservano l'atmosfera di Venere hanno visto qualcosa che potrebbe essere un segno di vita.

Hanno trovato la firma chimica di un gas nocivo chiamato fosfina. 

Sulla Terra, l'unico modo in cui la fosfina esiste è con la vita. 

David L. Clements è uno degli autori di uno studio pubblicato sulla rivista Nature Astronomy. 

Sostiene che questa è tutt'altro che una prova, ma è un segnale eccitante che non si può spiegare come qualcosa di diverso dalla vita. 

"It's a hint of the possibility of biology in the clouds of Venus. It's not a 'smoking gun' - I use the old analogy - it's not a smoking gun. It's not even gunshot residue on the hands of your prime suspect. But there is a distinct whiff of cordite in the air, which may be suggesting something." 

Clements afferma che i risultati suggeriscono che potrebbero esserci insoliti microbi che vivono nelle nuvole cariche di acido solforico del pianeta. 

La fosfina può essere prodotta in processi industriali ed è stata persino utilizzata come agente per guerra chimica. 

Si trova anche sul fondo degli stagni, nelle interiora dei tassi e nel guano di pinguino. 

La coautrice della ricerca, Sara Seager, afferma che gli astronomi hanno cercato di scoprire altri modi non biologici per produrla, ma non hanno avuto successo. 

"We exhaustively went through every possibility and ruled all of them out. Volcanoes, lightning strikes, meteorites, small meteorites falling into the atmosphere. We worked out all the chemistry, all the known chemistry possible that might occur in Venus's atmosphere, on the surface and subsurface, and not a single process we looked at could produce phosphine in high enough quantities to explain our team's findings of phosphine in the Venus atmosphere." 

Secondo scienziati che non hanno partecipato allo studio, ciò indica che la vita è sicuramente una possibilità, ma che sono necessarie ulteriori prove. 

English 

VENUS HISTORY RNF fx1

NASA's Pioneer 5 space probe, launched in March 1960, was originally intended to go to Venus. 

Technical difficulties meant the mission was changed to instead investigate the interplanetary space between Earth and Venus. 

It provided the first map of the interplanetary magnetic field. 

The first successful mission to Venus - and the first successful mission to any planet - was Mariner 2. 

VENUS HISTORY RNF fx2 blasts off 

The Mariner space program was a series of NASA missions to investigate Venus, Mars and Mercury. 

Mariner 2 launched in August 1962 and completed its Venus flyby - a mere 34,854 kilometres away - in December that year. 

VENUS HISTORY RNF fx3 orbits 

Mariner 2 conducted  a 42 minute scan of the planet. 

The data it collected indicated no significant difference in temperature across Venus, with readings from the dark and day sides ranging between 216 and 237 degrees Celsius. 

Mariner 2 also found that there was a dense cloud layer that extended from 56 to 80 kilometres above the surface.

The final launch in the series, Mariner 10, was the first to investigate two planets within one mission.  

VENUS HISTORY RNF fx4 Mariner 10 

Launching in November 1973, it flew by Venus in February 1974. 

It returned more than 4,000 pictures of the planet as well as other important data before using Venusian gravity to change its course and head to Mercury for the rest of its mission. 

In 1978, NASA sent a multiprobe mission to Venus. 

Pioneer Venus 2 included a large probe and three smaller probes. 

Each probe opened its instrument doors at altitudes of about 70 kilometres and began to transmit information about the Venusian atmosphere immediately. 

Each probe took about 53 to 56 minutes to reach the surface. 

Two of the three small probes survived the hard impact; one of them transmitted data from the surface for 67 minutes, 37 seconds, before succumbing to the high temperatures, pressures and power depletion. 

Data from the probes indicated that between about 10 and 50 kilometres there is almost no convection in the atmosphere of Venus, and that below a haze layer at about 30 kilometres, the atmosphere is relatively clear. 

In November 2005, the European Space Agency launched Venus Express, a probe designed to explore the hot, dense atmosphere of Venus. 

The first European Venus exploration mission relayed information back until December 2014 when it is believed to have run out of fuel. 

Now, astronomers looking at the atmosphere in Venus see something that might be the signal of life. 

They found the chemical signature of a noxious gas called phosphine. 

On Earth, the only way phosphine exists is with life. 

David L. Clements is one of the authors of a study published in the journal Nature Astronomy. 

He says it is far from proof, but it is a tantalising signal that they can't explain away as anything but life. 

"It's a hint of the possibility of biology in the clouds of Venus. It's not a 'smoking gun' - I use the old analogy - it's not a smoking gun. It's not even gunshot residue on the hands of your prime suspect. But there is a distinct whiff of cordite in the air, which may be suggesting something." 

He says the results hint that there may be bizarre microbes living in the sulphuric-acid-laden clouds of the planet. 

Phosphine can be made in industrial processes and has even been used as a chemical warfare agent. 

It's also found in the bottom of ponds, in badger guts and penguin guano. 

Co-author Sara Seager says astronomers tried to figure out other, non-biological ways it could be produced but came up empty. 

"We exhaustively went through every possibility and ruled all of them out. Volcanoes, lightning strikes, meteorites, small meteorites falling into the atmosphere. We worked out all the chemistry, all the known chemistry possible that might occur in Venus's atmosphere, on the surface and subsurface, and not a single process we looked at could produce phosphine in high enough quantities to explain our team's findings of phosphine in the Venus atmosphere." 

Scientists outside the study say it shows life is definitely a possibility, but more proof is needed.

Ascolta SBS Italian tutti i giorni, dalle 8am alle 10am. Seguici su FacebookTwitter e Instagram

Coming up next

# TITLE RELEASED TIME MORE
Ep.129: Nuove prove della possibilità di vita su Venere 17/09/2020 09:41 ...
Ep.187: Il notiziario di SBS Italian 25/11/2021 06:25 ...
Ep.186: Perché questo film di Bruce Lee è stato doppiato in una lingua aborigena 18/11/2021 04:58 ...
Ep.185: Netball NSW aumenta le scelte delle divise per favorire l’inclusione 15/11/2021 06:51 ...
Ep.184: Bert Newton, leggenda dell’intrattenimento, è scomparso a 83 anni 04/11/2021 06:13 ...
Ep.183: Il notiziario di SBS Italian 28/10/2021 06:03 ...
Ep.182: Le compagnie aeree si preparano a ritornare alla normalità, ma ci sono abbastanza piloti? 21/10/2021 07:14 ...
Ep.181: Australiana eguaglia il record di traversate del canale della Manica 14/10/2021 05:01 ...
Ep.180: Cosmetici per uomo, un’opportunità da un miliardo di dollari 07/10/2021 04:56 ...
Ep.179: Il notiziario di SBS Italian 30/09/2021 05:59 ...
View More