SBS in Italiano

“Non ritornerò alla finanza, per me il canottaggio è la parte felice della giornata”

SBS in Italiano

Dario Sportelli in Melbourne.

Dario Sportelli in Melbourne. Source: Dario Privitera


Published 13 June 2022 at 2:57pm
By Carlo Oreglia
Source: SBS

Da una carriera già programmata nel mondo della finanza, una volta giunto in Australia Dario Sportelli è ritornato alla passione d’infanzia, diventando allenatore di canottaggio.


Published 13 June 2022 at 2:57pm
By Carlo Oreglia
Source: SBS


Dario Sportelli viene da Monopoli e ha vissuto a Bari durante l’infanzia, dove ha iniziato a fare canottaggio a 12 anni.

Laureato con specialistica in finanza, qualche anno fa ha preso la decisione di raggiungere il fratello che gli raccontava meraviglie dell’Australia.

L’idea era chiara, quella di trovare una lavoro ed una carriera nel mondo delle banche e della finanza. Ma, come spesso accade, le circostanze gli hanno fatto riscoprire la sua passione d’infanzia: il canottaggio.

Advertisement
Per mantenermi ho deciso di fare l’allenatore di canottaggio
Da residente temporaneo Dario presto si è accorto di non potere accedere ai lavori nel mondo della finanza, ritrovandosi di nuovo nel mondo del canottaggio, dapprima come volontario e poi dopo l’arrivo di diverse offerte di lavoro in modo professionale.

“Qui la gente aspira a diventare campione, ho iniziato a lavorare con gente molto motivata”, racconta Dario a SBS Italian.

La passione per questo mondo ha ben presto superato quella per le banche.

C’è qualcosa che va al di là del denaro
Dario ha iniziato in un piccolo club a Melbourne di dilettanti che nel 2019 era il 19esimo club nel Victoria. Due anni dopo, sempre con Dario letteralmente al timone, il club si è arrampicato al primo posto nello Stato e da quel momento sono arrivate offerte di lavoro vero per il ragazzo pugliese. 

Dario Privitera in azione.
Dario Privitera in azione. Source: Dario Privitera


Durante la pandemia a Melbourne, Dario ha iniziato ad organizzare allenamenti via Zoom, correggendo la tecnica dei suoi atleti attraverso il computer.

Un sistema innovativo e soprattutto vincente. “Eravamo l’unico circolo che si allenasse così. Quando poi abbiamo fatto le competizioni, su 19 gare ne abbiamo vinte 18”, racconta con orgoglio a SBS Italian.

All’inizio della sua esperienza in Australia, Dario aveva un visto studentesco che poi ha cambiato in visto 408, continuando a lavorare come volontario in un circolo di canottaggio.

Dopo i primi successi, capendo che sarebbe potuto diventare un professionista, è riuscito a farsi sponsorizzare in un club di Adelaide.

L’Australia è molto meritocratica, se fai vedere che vali, le occasioni arrivano
Durante la fine della scorsa stagione, una sera alle 22:30 Dario ha ricevuto un email da Townsville, che lo informava che il circolo locale stava cercando un capo allenatore che gestisse tutto il programma di canottaggio della scuola.

Scettico all’inizio, Dario presto ha realizzato che in realtà quello sarebbe stato il lavoro dei sogni, con molta autonomia ed un budget importante per raggiungere i suoi obiettivi.

“Mi hanno pagato il biglietto per incontrarli a Townsville. Mi hanno detto: vieni, e se non sei interessato non importa”.

Da maggio Dario ha fatto di nuovo i bagagli, spostandosi dal South Australia al Queensland, destinazione Townsville.

Una città a misura d'uomo che fa conservare la propria individualità, come dice Dario. “A Melbourne sei un numero, a Townsville sono Dario Sportelli”. E conclude: “non ritornerò alla finanza, per me il canottaggio è la parte felice della giornata”. 

Ascolta la storia di Dario raccontata a SBS Italian.

LISTEN TO
“Non ritornerò alla finanza, per me il canottaggio è la parte felice della giornata” image

Da una carriera già programmata nel mondo della finanza, una volta giunto in Australia Dario Sportelli è ritornato alla passione d’infanzia, diventando allenatore di canottaggio.

SBS Italian

13/06/202213:52
 

Ascolta SBS Italian tutti i giorni, dalle 8am alle 10am.

Seguici su Facebook, Twitter e Instagram o abbonati ai nostri podcast cliccando qui.


Share